Home
HOME CONTATTI IL NOTIZIARIO LA STAMPA LA PAGINA DEL SEGRETARIO VECCHIO SITO
Tutto a portata di click
Collegamenti immediati
 
 Nuove offerte per gli ISCRITTI SNALS
 
Corsi Universitari a distanza
 
 In Evidenza

LA SCUOLA E LO STRUZZO!

Un nuovo anno scolastico è ormai alle porte e desidero rivolgere il mio saluto augurale a tutto il personale scolastico, che ancora una volta con grande professionalità, competenza e consapevolezza

svolgerà il proprio lavoro, rendendo un servizio fondamentale ed essenziale alla scuola milanese.

Si riparte ed ancora una volta ci troviamo di fronte a gravi problematiche riguardanti i docenti e non docenti, soprattutto a causa di una legge che il parlamento ha approvato ignorando i forti dissensi i in tutta Italia.

È vergognosa la sordità del Ministro, del Governo, del Parlamento, del Presidente della Repubblica di fronte alla voce della vera e unica buona scuola, la voce  di chi lavorando quotidianamente ha salvaguardato tra mille difficoltà l’istruzione e la formazione nel nostro Paese, la voce di una categoria che svolge un compito tra i più difficili: trasmettere ai giovani quelle conoscenze indispensabili per il loro futuro stimolando in loro interesse e motivazione.

Ancora una volta ribadiamo i principali motivi di dissenso:

  • la mancata soluzione dei problemi legati alla stabilizzazione del personale delle scuole dell’Infanzia e di molte altre categorie di precariato;

  • i “superpoteri” attribuiti ai dirigenti scolastici con la chiamata diretta dei docenti e al “potere” salariale;

  • una gestione della scuola che compromette la libertà di insegnamento, depotenzia le competenze del Collegio dei docenti e del Consiglio di istituto annullando, di fatto, la collegialità;

  • l’introduzione di un sistema di valutazione inaccettabile nelle forme e nei contenuti;

  • l’esclusione della scuola dell’Infanzia dalla riforma;

  • l’assenza di soluzioni per il personale ATA;

  • l’invasione da parte della legge di aspetti prettamente contrattuali, in particolare in relazione alle prestazioni e all’orario di servizio (obbligo di formazione non quantificato) e su aspetti economici affidando parte delle retribuzioni ad un organo monocratico senza contrattazione (bonus del merito);

  • il conferimento di deleghe al Governo su temi che riguardano, di fatto, l’intero universo scolastico. Strumento non condivisibile per la scelta di trattare argomenti di questa rilevanza per delega; scelta aggravata dal fatto che è prevista l’emanazione degli atti senza neppure il parere dell’organo collegiale della scuola CSPI. Questo è un inaccettabile modo di agire unilaterale rifiutando di fatto il confronto, forse perché lo si teme? Si deve rilevare, inoltre, come non sia mai successo che si votassero provvedimenti contenenti deleghe con il voto di fiducia di un ramo del Parlamento!

  • il mancato reale avvio del rinnovo contrattuale, del cui blocco anche la recente sentenza della Corte Costituzionale, ottenuta su ricorsi patrocinati dalla CONFSAL, ha proclamato l’incostituzionalità.

    A questa protesta - dalle dimensioni mai viste che ha riunito tutto il personale della scuola (docenti, ATA, di ruolo e non di ruolo e dei dirigenti scolastici), studenti, famiglie e lo stesso mondo accademico - la risposta di Renzi è stata la mancanza di dialogo, l’assenza di ogni interlocuzione il silenzio totale: ha nascosto la testa sotto la sabbia come gli struzzi.

Ed allora tutto è stato vano perché “A chi non vuol sentire nulla di più puoi dire”? o perché “Non c'è peggiore sordo di chi non vuol sentire”.?

NO, NO, NO!

Lo SNALS-CONFSAL intraprenderà tutte le possibili iniziative sul piano giudiziario e non verrà meno al suo impegno di lotta assunto con la scuola militante.

Giuseppe Antinolfi

Segretario provinciale Snals-Confsal Milano

Settori
Servizi
Area Riservata
Snals - Registrazione
Username:   
Password:  
 
Archivio
Sondaggio
VALUTAZIONE - Pensi che la valutazione del personale della scuola sia uno strumento adeguato a valorizzare la professionalità, mediante un riconoscimento economico?
A)SI
B)SI, se effettuata da una commissione INTERNA
C)SI, se effettuata da una commissione ESTERNA
D)NO