Home
HOME CONTATTI IL NOTIZIARIO LA STAMPA LA PAGINA DEL SEGRETARIO VECCHIO SITO
Tutto a portata di click
Collegamenti immediati
 
 Nuove offerte per gli ISCRITTI SNALS
 
Corsi Universitari a distanza
 
 Scuole Statali

INCONTRO AL MIUR SULLE CLASSI DI CONCORSO (2/9/15)
ESONERO AI COLLABORATORI VICARI

A) CLASSI DI CONCORSO

Il provvedimento si configura sotto forma di regolamento e non deriva, dati i tempi, dall’attuazione della delega della legge 107/2015 ma utilizza il comma 4, lettera a), del decreto legge 112 del 25 giugno 2008, convertito con modificazioni nella legge 133/2008. L’attuale testo è stato approvato “in prima lettura” dal Consiglio dei Ministri, inviato al Consiglio di Stato e sarà sottoposto all’approvazione definitiva in “seconda lettura” dal Consiglio dei Ministri, dopo l’esame delle Commissioni Parlamentari e dopo l’ascolto attento, che ci è stato promesso, del contributo delle OO.SS..

Il regolamento prevede la revisione dell’attuale assetto delle classi di concorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado, anche al fine di adeguarle al nuovo assetto ordinamentale nonché di consentire, nelle intenzioni dell’amministrazione, una maggiore razionalizzazione dell’utilizzo delle risorse umane disponibili.

I contenuti del nuovo regolamento non operano, come è noto, per il piano straordinario di assunzioni previsto dalla legge 107/2015, ma vedranno la loro prima applicazione in occasione del bando del prossimo concorso ordinario che, secondo la volontà espressa dal MIUR, dovrebbe essere bandito entro la fine del 2015.

Il provvedimento è composto da:
- uno schema di regolamento recante disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento, ai sensi dell’art. 64, comma 4, lettera a), del decreto legge 25 giugno 2008, n° 212, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n° 113;
- una Tabella “A” recante le nuove classi di concorso: denominazione, titoli di accesso, insegnamenti relativi. Si ipotizzano 81 classi di concorso derivanti dalla confluenza delle 116 ex tab. A e ex tab. D e di 33 classi di concorso per ITP, a fronte delle 52 attuali.
- una Tabella A/1 – omogeneità degli esami previsti nei piani di studio dei titoli di vecchio ordinamento per l’accesso alle classi di concorso, limitatamente ai titoli previsti dalla Tabella “A” nella colonna dei titoli previsti dal D.M. 39/2008;
- una Tabella “B” recante le nuove classi di concorso degli ITP con: denominazione, titoli di accesso, insegnamenti relativi. E’ stato precisato che ai futuri concorsi gli aspiranti per questa tipologia di insegnamenti potranno partecipare, in base al solo diploma posseduto.

L’Amministrazione, su richiesta delle OO.SS., ha accettato di inviare la documentazione in via informatica al fine di consentirne una adeguata informazione, necessaria per un approfondito dibattito e confronto con gli stessi operatori e per i necessari contributi delle strutture territoriali.

Forniamo tale documentazione inserendola in area riservata, per mero uso interno, con l’impegno di non diffonderla e/o duplicarla all’esterno della struttura provinciale.

Auspichiamo il tempestivo invio di contributi di proposte di modifiche e/o integrazioni che riguardino correzioni da apportare di interesse generale e non di mera contrapposizione di interessi.

Al di là delle richieste di modifica e/o di integrazione che si riterrà necessario formulare, dopo i necessari contributi e approfondimenti, la nostra delegazione ha lamentato la totale assenza, nel regolamento, di una indispensabile “congrua fase transitoria” e delle modalità concrete di applicazione delle nuove classi di concorso al personale in servizio.

L’Amministrazione al riguardo, a seguito della pressione sindacale, ha garantito il necessario parallelismo, seppur con provvedimenti distinti, tra emanazione del testo conclusivo del regolamento e del distinto provvedimento che dovrà disciplinare la fase transitoria, con particolare riguardo alla gestione del personale in fase di prima applicazione.

B) ESONERO AI COLLABORATORI VICARI

A seguito delle notizie di stampa, nel corso dell’incontro per le classi di concorso, su richiesta delle delegazioni sindacali, l’Amministrazione ha informato di aver raggiunto un accordo col MEF affinché i dirigenti scolastici possano, qualora ne ricorrano le condizioni, fruire di esonero a favore della figura del vicario, nominando, in sua sostituzione, un supplente temporaneo con nomina fino “ad avente diritto”.

Quanto sopra in deroga a quanto previsto dalla legge di stabilità 2015, in quanto non è attivato dall’inizio dell’anno scolastico il “potenziamento” dell’organico.

E’ stato precisato che, ovviamente, il potenziamento dell’organico, che andrà in vigore nel corso dell’anno, farà venir meno la supplenza temporanea conferita, in quanto uno dei posti da attribuire sarà assegnato alla classe di concorso o tipologia di posto del vicario e destinato, quindi, alla sua sostituzione.

A riguardo è pervenuta, dal MIUR, la nota Prot. n. 0001875 del 03/09/2015 avente per oggetto: “Esoneri e semiesoneri dal servizio dei collaboratori del dirigente scolastico” .

Settori
Servizi
Area Riservata
Snals - Registrazione
Username:   
Password:  
 
Archivio
Sondaggio
VALUTAZIONE - Pensi che la valutazione del personale della scuola sia uno strumento adeguato a valorizzare la professionalità, mediante un riconoscimento economico?
A)SI
B)SI, se effettuata da una commissione INTERNA
C)SI, se effettuata da una commissione ESTERNA
D)NO