Home
HOME CONTATTI IL NOTIZIARIO LA STAMPA LA PAGINA DEL SEGRETARIO VECCHIO SITO
Tutto a portata di click
Collegamenti immediati
 
 Nuove offerte per gli ISCRITTI SNALS
 
Corsi Universitari a distanza
 
 Azioni Legali

TEMPISTICA DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

Il Tribunale di Bologna con sentenza del 23 marzo 2015, in merito all'avvio del procedimento disciplinare che deve avvenire entro 20 giorni dalla notizia di comportamenti punibili, rileva che " la conoscenza del fatto disciplinarmente rilevante, da cui scaturisce l'obbligo di tempestiva contestazione (entro venti giorni) non può essere confusa con l'accertamento dei fatti in sede di procedimento disciplinare. Come risulta dal testo normativo, ai fini della contestazione, è sufficiente la semplice "notizia di comportamenti punibili con taluna delle sanzioni disciplinari di cui al comma 1, primo periodo...", mentre l'accertamento completo dei fatti, che va svolto nel procedimento disciplinare in contraddittorio con il dipendente, costituisce il presupposto per l'applicazione di un'eventuale sanzione".
Nel caso trattato dal Tribunale di Bologna, che riguardava una collaboratrice scolastica, questo ha accertato la violazione del termine di venti giorni, previsto dall'art. 55 bis del D.Lgs. n. 165 del 2001, per la tempestività della contestazione disciplinare. "Infatti, sia che si consideri come dies a quo la data della prima segnalazione dell'evento, disciplinarmente rilevante, e cioè il 6 febbraio 2014 (data della nota di E.A.), sia che si faccia riferimento alla data in cui il Dirigente Scolastico ha acquisito piena consapevolezza della rilevanza disciplinare dei fatti segnalati (data che nella migliore delle ipotesi non può essere collocata successivamente all'11 febbraio 2014, allorché venne inviata dal Dirigente Scolastico la segnalazione all'Ambito Territoriale), il termine di venti giorni (che
sarebbe scaduto, nel primo caso, il 26 febbraio 2014 e, nel secondo, il 3 marzo 2014) risulta comunque superato, anche volendo applicare, in via analogica, quella giurisprudenza che scinde, anche a fini sostanziali, gli effetti della spedizione a favore del mittente e quelli della ricezione a favore del destinatario.
Nella specie, infatti, l'atto di contestazione, datato 3 marzo 2014, risulta essere stato consegnato all'Ufficio Postale per la spedizione il 4 marzo 2014 e, cioè, il ventunesimo giorno successivo alla notizia dei comportamenti punibili".
Concludendo che la sanzione disciplinare " essendo stata inflitta ad esito di un procedimento disciplinare avviato sulla base di una contestazione, per legge, non tempestiva, va dichiarata illegittima"

Settori
Servizi
Area Riservata
Snals - Registrazione
Username:   
Password:  
 
Archivio
Sondaggio
VALUTAZIONE - Pensi che la valutazione del personale della scuola sia uno strumento adeguato a valorizzare la professionalità, mediante un riconoscimento economico?
A)SI
B)SI, se effettuata da una commissione INTERNA
C)SI, se effettuata da una commissione ESTERNA
D)NO