Home
HOME CONTATTI IL NOTIZIARIO LA STAMPA LA PAGINA DEL SEGRETARIO VECCHIO SITO
Tutto a portata di click
Collegamenti immediati
 
 Nuove offerte per gli ISCRITTI SNALS
 
Corsi Universitari a distanza
 
 LA PAGINA DEL SEGRETARIO


RIFORMA DELLA SCUOLA E ASSUNZIONI:
RUOTA DELLA FORTUNA CON RICATTO
SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE

Il nuovo anno scolastico è ormai al via e quindi un augurio spontaneo, dal cuore: "Buona scuola" sia!
Ma a proposito di Buona Scuola che ne è della Riforma dopo il tanto sbraitare da parte del presidente del consiglio, suo paladino e difensore?

La Buona Scuola
È vero, ha trovato la sua concretizzazione finale nella legge 107 del 13 luglio 2015, ma vi è ben poco di tutto quanto vi era scritto con tanta enfasi nel documento di ben 136 pagine presentato nel settembre 2014.
Non vi è una chiara “idea di scuola”, indispensabile per concepire la politica scolastica e stabilire il concreto funzionamento del sistema d’istruzione. Senza tale concetto di base non si ha alcun punto di riferimento per decidere gli obiettivi ed i compiti della scuola.
Non vi è enunciato neppure alcun principio a cui ancorare l’educazione e l’istruzione dei giovani.
Una riforma quindi senza alcuna organicità, contraddistinta da centralismo, autoritarismo e antidemocraticità.
In merito a questa legge il segretario generale dello Snals-Confsal Marco Paolo Nigi ha dichiarato: “C’è da parte del governo un disegno vergognoso che non solo tradisce lo spirito della Costituzione ma viene anche meno alle funzioni specifiche dello Stato italiano”.
Ed ha anche aggiunto: “Noi vogliamo una scuola autorevole, vogliamo la serietà degli studi e il riconoscimento, anche salariale, della dignità del nostro lavoro, vogliamo promuovere l’eccellenza. Non ci arrenderemo mai alla scuola che vogliono propinarci perché è una scuola che promuove la mediocrità”.
Un provvedimento che sostanzialmente tenta solamente di risolvere – e neppure vi riesce - la stabilizzazione dei precari non merita certo il nome altisonante di "riforma della Buona Scuola". Una Buona Scuola nel nostro Paese è possibile e in non poche realtà è già un fatto consolidato, almeno laddove docenti appassionati al loro lavoro incontrano colleghi aperti al confronto e dirigenti in grado di valorizzare le qualità e l'impegno dei singoli, accogliere e sostenere le diversità metodologiche. Una Buona Scuola è quella aperta al confronto, è quella dove si valorizzano le qualità e l'impegno di ognuno, è quella che accetta, sollecita e sostiene le diversità metodologiche, è quella che garantisce gli spazi di libertà dei singoli, che valorizza le singole professionalità, che favorisce la cooperazione tra le diverse realtà, tra le scelte metodologiche presenti.

Il documento di 136 pagine
Ricordate i 12 punti che sintetizzavano il progetto di Riforma del sistema scolastico, illustratoci con tanta esaltazione da Renzi con tanto di lavagna e gessetti?
1. mai più precari nella scuola
2. dal 2016 si entra solo per concorso
3. basta supplenze
4. la scuola fa carriera: qualità, valutazione e merito
5. la scuola si aggiorna: formazione e innovazione
6. scuola di vetro: dati e profili online
7. sblocca scuola
8. la scuola digitale
9. cultura in corpore sano
10. le nuove alfabetizzazioni
11. fondata sul lavoro
12. la scuola per tutti, tutti per la scuola
Come al solito, in questo documento si perpetua lo stile renziano: parole, parole, parole… promesse, promesse, promesse.
Allora possiamo ben dire che

la montagna ha partorito un topolino!

Il piano di assunzioni
Al primo posto della cosiddetta riformasono state messe le assunzioni dei docenti al fine di “coprire i posti vacanti e disponibili”, dichiarando che l’obiettivo primario era di dare agli studenti “un’offerta formativa più ricca e flessibile”. Ma in realtà il vero obiettivo era sottinteso, taciuto, nascosto: tenere buono il mondo della scuola, notoriamente serbatoio di voti per il partito di Renzi. Quindi una trovata elettorale come i famosi “80 euro”, perché l’assunzione di 150mila precari (cifra confermata dai ministri Giannini e Padoan) avrebbe dovuto portare al governo una valanga di “consensi”.
Era ed è il classico “
specchietto per le allodole” al fine di nascondere il fallimento della Buona Scuola, denominata da alcuni come “Buona Sola”.
Ma il fine taciuto non è stato raggiunto, perché si è verificato un incredibile abbaglio ed un conseguente clamoroso boomerang: il piano di assunzioni straordinarie in realtà non copre nemmeno il fabbisogno reale della scuola.

Il precariato
La fine del precariato (primo dei famosi 12 punti) non vi sarà, perché gli insegnanti abilitati con il TFA e/o PAS (Tirocinio Formativo Attivo/Percorsi Abilitanti Speciali) sono stati esclusi dal piano di assunzioni sulla base della motivazione che questi insegnanti sono in possesso solamente di un titolo abilitante e non sono vincitori di concorso. Perciò le GaE (graduatorie ad esaurimento) continueranno ad avere decine di migliaia di iscritti precari, perché vi sono i docenti che non hanno presentato domanda per non lasciare il luogo di residenza, quelli che non hanno accettato la proposta di nomina ed infine anche i docenti della scuola dell’infanzia, ingiustamente non coinvolti nella fase C. A tutti questi se ne aggiungono altri per effetto delle ultime decisioni del Consiglio di Stato.
Anche la famosa "supplentite” (terzo dei famosi 12 punti) continuerà, perché le cattedre non assegnate si trasformeranno in supplenze annuali, alimentando ancora precariato. Infatti dei 16.210 posti destinati alla fase B di assunzioni ne verranno coperti soltanto la metà, lasciando alle supplenze 7.444 posti.
Si può quindi ribadire che anche il piano di stabilizzazione dei docenti sia fallito perché le assunzioni non saranno 150mila, bensì poco più di 80mila. E la metà dovrà pure spostarsi di regione.
Si calcola che nelle GaE rimarranno ben 70mila precari e nelle graduatorie d’Istituto altri 100mila abilitati. Oltre a tutto ciò la pseudo riforma di Renzi perpetra un’altra clamorosa ingiustizia: l’esclusione del personale ATA dal piano di stabilizzazioni.
Il duo Giannini-Renzi non dovrebbe vantarsi troppo per le assunzioni effettuate, perché il piano straordinario di stabilizzazioni è principalmente la conseguenza della pronuncia della Corte di Giustizia dell'Unione Europea sull'abuso da parte dell'Italia nella reiterazione di contratti a termine oltre i 36 mesi.

Orgoglio (e pregiudizio) del ministro.
Durante la festa del P.D. a Milano il ministro Giannini si è dichiarata “orgogliosa” della riforma della scuola. Dalla platea una delle insegnanti presenti le ha urlato: - “Lavoro, diritti e dignità”. Un’altra ha dichiarato: “Meglio precari che ricattati”. E il ricatto sta proprio nella decisione di cancellare dalle graduatorie coloro che non accettano la proposta di nomina, proposta formulata in base a criteri ignoti, senza aver fornito gli elementi necessari per capire se e dove convenisse chiedere l'assunzione con priorità: una vera e propria ruota della fortuna con ricatto.
La trasparenza delle operazioni non è stata attuata, nonostante la pressante richiesta dello SNALS-CONFSAL nei vari incontri al MIUR. Non è stato ancora possibile verificare se la procedura utilizzata sia stata trasparente, imparziale e attuata nel pieno rispetto dei sacrosanti diritti del personale.
Come può il ministro dichiararsi orgogliosa di una riforma che non tutela la libertà e dignità d’insegnamento e della professione, che non valorizza la professionalità dei docenti, che non salvaguarda, ma anzi lede, le competenze degli organi collegiali della scuola, che viola norme contrattuali regolarmente sottoscritte, che imprime alla scuola italiana un indirizzo dirigistico e autoritario.

Resistenza attiva
Essenzialmente per tali ragioni lo SNALS-CONFSAL per contrastare l’applicazione della Legge 107/15, che sancisce la morte della democrazia nella scuola, intende attuare una “resistenza attiva” indicando al personale scolastico delle linee di comportamento finalizzate a mettere in atto un’opera di neutralizzazione delle misure più deleterie in essa presenti. È un’azione necessaria per evitare che la riforma possa arrecare grave pregiudizio alla professionalità docente e alla libertà d’insegnamento. Se sarà necessario si ricorrerà anche alla magistratura affinché sia sollevata la questione di costituzionalità di una legge che in molte sue parti confligge con i principi costituzionali e con disposizioni normative e contrattuali.

Presidi sceriffo
Diversamente tutto quanto ipotizzato si verificherebbe puntualmente anche a causa della connivenza dei presidi sceriffo, che per mantenere il proprio “potere” si sono subito schierati in difesa della legge 107/15, tanto da redigere un apposito contro documento per contrastare le azioni sindacali, dimenticando quanto specie lo SNALS – CONFSAL ha fatto anni or sono per ottenere l’attribuzione della qualifica dirigenziale. Con tali atteggiamenti la dirigenza scolastica si dichiara esplicitamente una controparte dei docenti e del personale ATA, posizione che lo Snals ha sempre rifiutato, sollecitando in ogni occasione una corretta e positiva relazione tra tutte le componenti della comunità scolastica, con la presenza indispensabile una leadership autorevole.
Che tristezza vedere i presidi su una “trincea” opposta per difendere il proprio status e non quella scuola non autoritaria auspicata dai docenti! La scuola di Stato, la scuola pubblica non è un’impresa con a capo il preside manager, non è dei dirigenti scolastici, non è a loro uso e costume e pertanto gli attacchi da parte della loro associazione ANP (Associazione Nazionale Presidi) sono infondati e gratuiti: gli insegnanti difendono i propri diritti quando rivendicano di potersi esprimere in materia organizzativa e didattica attraverso il Collegio dei docenti, quando rivendicano di poter contrattare i criteri di assegnazione di risorse destinate a compensi per il personale attraverso la RSU. Dovrebbero essere loro stessi per primi, i dirigenti scolastici, a rifiutare la logica del modello autoritario della scuola di Renzi: VOGLIO – POSSO – COMANDO. E si potrebbe anche aggiungere: NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE!

Referendum
La legge di riforma della scuola è “impregnata” di "leaderismo e aziendalismo". Da qui nascono le iniziative referendarie e le eccezioni di costituzionalità che sono già in atto fin dal mese dello scorso agosto, come da comunicato della Corte Suprema di Cassazione ((GU Serie Generale n.198 del 27-8-2015)). Ciò dovrebbe sconsigliare l’assunzione di posizioni rigide ed autoritarie da parte dei dirigenti scolastici alias presidi sceriffo specie nella prima fase dell’applicazione della legge, che mal si conciliano con quella asserzione della legge 107/15 in cui si dichiara di voler realizzare "una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva".
È pertanto inevitabile che l’avvio di questo nuovo anno scolastico avvenga nel solito CAOS: apprensioni, timori, ansie, tensioni, inquietudini: altro che Buona Scuola!

Riflettete, duo Giannini-Renzi, riflettete!

Il Segretario Provinciale
dello SNALS-Confsal di Milano

Giuseppe Antinolfi

Settori
Servizi
Area Riservata
Snals - Registrazione
Username:   
Password:  
 
Archivio
Sondaggio
VALUTAZIONE - Pensi che la valutazione del personale della scuola sia uno strumento adeguato a valorizzare la professionalità, mediante un riconoscimento economico?
A)SI
B)SI, se effettuata da una commissione INTERNA
C)SI, se effettuata da una commissione ESTERNA
D)NO